lunedì 8 novembre 2010

E se gli facessi una sorpresa?????

Decido di fare una sorpresa a Fab…. Venerdì non si esce ma decido di preparare una cenetta a casa….mi lancio su un menù etnico.

Diversi altri blogger hanno pubblicato nel tempo ricette orientali, decido che è arrivato il momento di sperimentarli. Copio da Pagnottella la ricetta dei ravioli al vapore, da giallo zafferano il riso alla cantonese e il pollo alle mandorle. Le ricette sono semplici, e gli ingredienti non mi sembrano improponibili….Dove non arriva il supermercato sottocasa arriva Castroni vicino al lavoro.

Arsa dai sensi di colpa che il prossimo week-end avrò casa infestata di gente, mia sorella ed un suo entourage di amiche, accadimento che mi porterà ad invitare gentilmente Fab a far fagotto e a tornare da mammà, …. Dicevo… arsa dai sensi di colpa decido di esagerare nella sorpresa…. E non solo preparo cinese ma cerco dei vestiti per l’occasione….ovviamente rigorosamente orientali.

Ringraziando il cielo i cinesi sono un popolo prolifico, così come lo sono i loro negozi. Pur non vivendo vicino a termini, dove i cinesi crescono come funghi, anche nel mio quartiere è possibile incappare in negozi marchio samurai.

- Buongiolno
Mi dice la proprietaria del negozio dall’età indefinita.

Quando le spiego che vorrei dei vestiti tipo kimono, me ne sfodera alcuni che tiene in un’ala del negozio. Ovviamente i più belli, hanno taglie improponibile in cui non sarei riuscita ad entrare nemmeno per la festa della mia prima comunione.

- In Italia tu che tallia poltale ??

Vorrei sottolineare che anche il suo negozio e situato in territorio italiano, ma mi limito a rispondere
- 44

Mi fa vedere i modelli di quella taglia e ne scelgo uno. Lo indosso, e realizzo che sono incappata in una trappola mortale.

Le cinesi è un dato di fatto, hanno il vitino più stretto dell’ape magà. Dopo pochi minuti sottovuoto in quel vestito chiedo alla signora se mi può aiutare a sfilarmelo di dosso visto che io mi sento un’insaccato.

- Proviamo una 46?

Le chiedo abbastanza demoralizzata. Ma non ha nessun modello 46.

Alla fine mi propone una 48, in cui sarei potuta entrare io e lei, ma mi convince di prenderlo e di usarlo con una fusciacca legata in vita.

E’ matematicamente provato che non solo le commesse italiane riescono a farmi comprare tutto quello che loro vogliono vendere ma anche quelle nipponiche.

Comprare qualcosa per Fab, è tutto più semplice.

Quando esco fuori dal negozio mi rendo conto che ho pochissimo tempo….Arrivata a casa mi rendo conto che ho praticamente mezz’ora, tutti gli ingredienti, due vestiti, ma nulla di pronto.

Squilla il telefono…. È Fab

- Posso venire a casa ora (anche se mezz’ora prima dell’appuntamento)

Noooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo, non sono pronta

- Ma non puoi farti un giro?

Lui - NO, dai ti prego sono stanco. Questa mattina mi sono alzato prestissimo.

- Comprarmi un regalo?

- Già fatto!
Figo :)

- Già fatto veramente? Mi hai preso un regalo?

- Si te l’ho preso…. Mi dai il permesso ora di entrare a casa?

- Mmmmmmm, ok vabbè….. però ti avverto…. Non ho pronto niente, ci divertiamo a cucinare insieme

- Tu tu tu

Ha riattaccato. Necessitava solo del visto di soggiorno.

Dopo pochi minuti suona il citofono. Giusto in tempo per infilarmi il kimono, farmi uno chignon, e ristrutturarmi il trucco.

Apre la porta e mi trova così apparecchiata un misto tra una geisha in fase di declino e una madonna del rosario.

Rimane due minuti inebetito.

Con le mani in gesto di preghiera o inchino orientale (madonna o geisha appunto) dico
- Buongiolno signole, essele andato bene lavolo? Non pleoccupale. Ora cambiare vestiti e io cucinale.

Poi rido e piango, perché mi sento felice, mi sento cretina, esplodo di divertimento.

A questo punto si è ripreso dallo shock e ride pure lui. Vicino al letto trova i suoi vestiti. Ringraziando iddio, la taglia è quella giusta.

Iniziamo a cucinare….

Preparare le nuvolette di gambero nonostante altre volte mi fossi cimentata con successo si è rivelata un'operazione delicata. Questa volta probabilmente abbiamo troppo riscaldato l’olio e rischiavamo di dare fuoco alla cucina. I ravioli gli abbiamo inizialmente cacciati non completamente cotti, ma dopo un ulteriore ritocco di fuoco erano perfetti. Riso alla cantonese e pollo alle mandorle, usciti perfetti soprattutto il secondo.

Il thè al gelsomino al gelsomino era forse l’unico che si avvicinava al sapore autentico…. E ci vuole arte a prepararlo , che vi credete voi????

La cena è stata allegra, e alla continua scoperta di nuovi sapori. Nuovi appunto perché completamente diversi da quello che ci aspettavamo.

A fine cena dopo aver scartato il mio regalo (un trench marrone) ci guardiamo intorno.
La cucina gridava vendetta al cospetto di Dio. Ogni pentola e piatto aveva combattuto la loro guerra e giacevano moribondi con le loro ferite sparse.
Decisione ardua da prendere ma non potevo lasciare tutto così e andarmene a letto.
Decido quindi di lavare in piatti, in fretta e furia.

Quando è tutto lindo e pinto, guardo per terra e vedo una tempesta di macchie di olio, che avevamo fatto per preparare le nuvolette di gambero.

Guardo il pavimento, guardo Fab e scatta un

- Ciccio i pavimenti li puoi lavare tu?

- Scusa ma non sei tu la Geisha???????

Buonino buonino mi ha da una mano a lavare il pavimento, ma mentre lo fa bofonchia un

- Uffa, ma la Geisha è lei……







31 commenti:

  1. che bella idea! e che carini che dovevate essere vestiti da orientali! :D

    RispondiElimina
  2. Carinissimi! Io non ho mai fatto una serata a tema...molto molto bellina come idea! Brava!

    RispondiElimina
  3. si ci siamo divertiti.....la prossima sarebbe carina indiana..... ma sui vestiti la vedo dura..... non è che mi rifilano i vestiti da ballerina del ventre... e poi Fab avanza pretese....

    RispondiElimina
  4. Se abitassimo vicine e tu decidessi di fare una festa araba, ti ci riempivo, di vestiti arabi (sono una danzatrice del ventre, dopo tutto), ma mi sa che dal Salento all'Umbria non è pratico...

    RispondiElimina
  5. io ti chiederei i vestiti... ma probabilmente Fab ti chiederebbe che almeno mi insegnassi l'ABC della danza.....e sarebbe veramente dura.... te la sei cavata....abiti lontano

    RispondiElimina
  6. "tra una geisha in fase di declino e una madonna del rosario" ahahhahaha

    Devi essere una tipa spassossissima tu!

    Felice vi siano piaciuti i raviolìn ^___^
    bona notte

    (che tipa!!!)

    RispondiElimina
  7. manca una foto di VOI vestiti!!!

    RispondiElimina
  8. Immagino che i biscottini della fortuna eravate voi due!

    RispondiElimina
  9. @pagnottella: i raviolin erano molto buoni.....

    @ribbon: piuttosto mi ammazzo

    @folletto del vento: forse eravamo più i biscottini della scemenza

    RispondiElimina
  10. il tuo racconto è delizioso, ha il sapore dei tutte le spezie che hai usato per cucinare, ma la frase più bella l'ha detta la commessa cinese, "che taglia porti in italia?" ma si potra? baci

    RispondiElimina
  11. Castroni ha veramente tutto, a Roma è un'istituzione.
    In quanto agli abiti cinesi avresti potuto fare un salto qui all'Esquilino dove credo che ormai ci sono più negozi orientali che italiani e, credo, anche le 40 o le 42, se esistono.
    Bella cena, bel post, belle foto.

    RispondiElimina
  12. Che belle queste serate/sorpresa dove la spontaneità ha la meglio su tutto. Genuine! ;)

    RispondiElimina
  13. @ady: infatti ma si può??????

    @monticiano: alla prossima cena a tema allora verrò a fare un salto allora...è vero da Castroni si può trovare veramente l'impossibile

    @maraptica: noi ci siamo divertiti molto....a volte ci vuole poco per rendere una serata speciale... anche se poi non c'è nulla di speciale da festeggiare.... ne farò più spesso e le consiglio

    RispondiElimina
  14. Che idea carina XD
    Io vado in visibilio per la cucina cinese :Q__

    RispondiElimina
  15. Che bella idea!!! Bravissima! E che brava Gheisha (come si scrive?), hai avuto un pensierino delizioso! :D
    Io mi vorrei cimentare nella cucina indiana! Aiuto!!!

    RispondiElimina
  16. a parte che ti sto invidiando !!!però quante risate!!!:)) e io un uomo così???chissà se lo troverò!!ciaoo

    RispondiElimina
  17. @sospesa nel viola..lo troverai lo troverai.... non temere

    RispondiElimina
  18. sei un vulcano di idee,sono sicura che la serata sia stata un successo!Bello il kimono!
    Baci

    RispondiElimina
  19. FANTASTICO!!!!!! troppo ganzo!!!

    RispondiElimina
  20. Ma che bellezza! Chissà come vi siete divertiti!

    RispondiElimina
  21. Bussola ti ho risposto anche da me...comunque vai qua
    http://www.mir.com.my/rb/photography/hardwares/classics/eos/EF-lenses/MP-E65mmf28MACRO/index.htm

    ...io col macro non faccio testo...perchè la mia è una cavolo di lente....

    RispondiElimina
  22. il mio è pure un obiettivo discretamente decente.... solo che forse siamo noi impediti o non so cosa... ci da il problema di cui ti dicevo

    RispondiElimina
  23. La prossima volta suggerirei una ricetta da http://larennaincucina.blogspot.com ed un look scandinavo ;-)

    RispondiElimina
  24. provo a vedere su portaportese si trovano delle renne... e poi con il natale sarebbe abbastanza in tema... grazie comunque della segnalazione del blog... che a primo sguardo sembra proprio interessante

    RispondiElimina
  25. Tesoro, il tuo racconto è stupendo e complimenti per gli abiti veramente deliziosi!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Se non é living theatre, come avevo auspicato a suo tempo per te, poco ci manca! Di sicuro la vena artistica non ti abbandona mai! Ed allora mi ripeto: "Beata gioventù!".

    RispondiElimina
  27. Vi siete divertiti davvero... descritta è già uno spasso questa serata :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...