giovedì 1 dicembre 2011

Questione di nomi....

Ieri ho fatto un brutto sogno. Eravamo tutti in cielo, io mamma, papà, la nonna, lo zio, ed eravamo disposti in cerchio.

Io ero in piedi tra mamma e papà, ed avevo paura.

Sulle altre nuvole c’erano altre persone disposte in cerchio come noi.

All’interno di ogni cerchio c’era un uomo alto e grosso, con una tuta avvolgente come uno scafandro e bianca come le nuvole. Ogni uomo scafandro ha una pistola.

L’uomo ci guarda ed è cattivo. Io ho paura, anzi sono terrorizzata.

Guardo papà negli occhi ed è spaventato pure lui.

Vedere papà che ha paura mi spaventa ancora di più, perché i papà sono forti, e non temono niente, quindi se il mio ha paura, significa che sta succedendo qualcosa di grave.

L’uomo ci guarda, lentamente uno ad uno, si prende il suo tempo. Poi sceglie.

Quando ha scelto alza la sua pistola e la punta addosso sul suo bersaglio. Ma è una pistola che non spara, indica solo la persona prescelta.

Avere la pistola che ti punta è il segnale che sei tu il bersaglio. Sei tu che devi fare pipì.

In quel momento la pipì non esce, ma tu la devi fare uscire per forza, perché altrimenti l’uomo scafandro ti uccide.

Allora cerchi di strizzarti tutto per far uscire la pipì. Ti strizzi così tanto che alla fine quel liquido esce e ti brucia forte in mezzo alle gambe, è una sorta di squarcio che ti arreca un dolore fortissimo.

L’uomo non mi ha mai puntato la pistola addosso, ma vedo come soffrono le persone che sono state chiamate a far la pipì, e la sola visione mi crea un forte dolore tra le gambe, un bruciore intenso e lancinante pure a me.

Lo sguardo di mio padre spaventato, però mi spezza l’anima più della paura della pistola dell’uomo scafandro.

….. Era un incubo ricorrente che mi è venuto in sogno diverse volte dall’età dei 4 anni a quella di 8…..
Vent’anni dopo imparai a chiamare quella sensazione “cistite”….ed era un incubo anche quella!

La mia amica Carola mi ha rimproverata che è da un po’ che non scrivevo post…. E questo era per comunicare a lei che sono ritornata sulla retta via

12 commenti:

  1. ma... LOL! XD
    è un incubo sì!

    RispondiElimina
  2. leggere i tuoi post è sempre carino anke qnd parli di incubi..

    RispondiElimina
  3. La cistite..nemica di tanti giorni miei...Sto facendo una piccola cura per evitare le recidive!

    RispondiElimina
  4. la cistite :( ..che pietà essere donne!

    RispondiElimina
  5. e ora che leggo questo post,mi e'ancora piu'chiaro quanto mi sei mancata! Carola

    RispondiElimina
  6. E' una di quelle cose, la cistite, che non augurerei manco alla mia più odiata nemica. Inferno in corpo... scrivi bussolè scrivi! ;)*

    RispondiElimina
  7. Vedo che già a 4 anni promettevi bene quanto a fantasia ;)

    RispondiElimina
  8. Cavoli, che sogno ricorrente strano!!
    Ben tornata!! :-)

    RispondiElimina
  9. RITORNO COL BOTTO....IN QUANTO BOTTO ANCHE DOLORE....-.-_MArì

    RispondiElimina
  10. io non ho mai sofferto di cistite (eccola là, mo come minimo mi prende un'infiammazione da paura stanotte stessa) ma so che è dolorosissima. In compenso mi sono presa il colpo della strega la settimana scorsa: doloreeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  11. Spero che almeno sia passata..
    Un saluto
    Maurizio

    RispondiElimina
  12. NOn ne soffro ma una mia amica si... è davvero un incubo!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...