martedì 1 ottobre 2013

Nicolò

Ariecchime, anzi ariecchice….

Avevo progettato di aggiornare il blog anche in ospedale subito dopo il parto, per darvi l’annuncio quasi in tempo reale. Avevo il computer piccolino pronto, la chiavetta per internet, il cellulare per le foto, insomma spiritualmente ero pronta.

Non avevo però calcolato che spiritualmente pronta non significa necessariamente anche fisicamente.

Subito dopo il parto e nei giorni successivi mi sono ritrovata stremata dal travaglio, sfiancata dai dolori e tutta presa da questo pargoletto di tre chili e mezzo, che l’idea di aggiornare il blog è finita in fondo alla lista delle mie priorità del momento.

A undici giorni di distanza mentre Nicolò dorme nella sua culla, trovo il tempo di accendere il computer e continuare a scrivere questo mio diario virtuale. Chissà magari un giorno, Nicolò avrà piacere di sapere la storia della sua nascita, e magari quel giorno non lo ricorderò così bene come adesso.

Il mio travaglio è stato travagliato, quindi se sei in attesa, o progetti una gravidanza ti consiglio di non andare avanti nel testo ma di goderti direttamente le foto.

Quando ero in attesa ero così eccitata dall’idea di avere un pargolo nell’imminente futuro che il bimbo non era ancora nato e già pensavo ad una  successiva gravidanza da pianificare entro breve termine. Col senno del poi, capito cos’è il parto, ho subito placato i bollenti spiriti. “Che fretta c’è?!” è diventato ora il mio mantra.

Ma veniamo a noi. Il mio parto.

Premetto che, se sei in attesa, o progetti una gravidanza, e persisti nell’idea di leggere, sappi comunque che ogni parto è diverso. A me ha detto particolare sfiga, ma tu senza dubbio potresti esser più fortunata. Quindi dopo la lettura non interrompere la tua gravidanza, perchè gira voce che c'è gente che ha partorito anche in due ore, con travagli velocissimi e pochissime spinte.

Il mio travaglio è stato infinito, 20 ore. La prima contrazione è apparsa alle due di notte del giorno18 settembre. Dopo un’oretta di contrazioni sono andata in ospedale, ma lì mi hanno rispedito allegramente  a casa perché il parto non era partito, non era presente nessuna dilatazione, né tantomeno vi era un accenno di qualcosa di preparatorio. Tristemente tornata a casa, mi sono sparata un’intera notte di contrazioni da sola sotto gli occhi di mia madre e di Fab che prendevano il tempo tra l’una e l’altra. All’ospedale ci avevano detto infatti di tornare quando avrei avuto una contrazione ogni tre minuti, o tre in dieci minuti.

Alle otto del mattino ero nuovamente là, davanti alla porta dell’ospedale, pronto soccorso ginecologico, isterica e nevrotica in preda alle contrazioni che ormai non mi davano più tregua.

Quel giorno fortuna ha voluto che fosse di turno la mia ginecologa. Alla visita ginecologica si è visto che avevo una dilatazione di 4 cm: mi ero guadagnata il mio ricovero all’ospedale, il mio lettino con le lenzuola sterilizzate. A Fab è stata offerta la sua seggiolina accanto al mio letto.

Appena sono comparse le due ostetriche dalla porta della mia stanza ho chiesto che mi venisse fatta l’epidurale. La mattinata è continuata così, con dolori meno lancinanti, il rumore del battito cardiaco del bambino monitorato continuamente e le mie contrazioni che si palesavano attraverso un foglio lungo e sottile sputato fuori da una macchina collegata alla mia pancia.

Erano le due del pomeriggio e la mia dilatazione era aumentata di poco, nonostante le contrazioni divenissero sempre più forti e definite. Le ostetriche non sapendo che fare decisero di farmi un catetere. La vescica risultava stracolma, ma io non ne avevo percezione assopita un po’ dall’epidurale. Lo svuotamento della vescica portò miracolosamente ad una dilatazione da 4 a 7 in un frangente di secondo. A saperlo che sarebbe bastato così poco!

Da una dilatazione 7 a una dilatazione 10 ci sono arrivata a suon di ossitocina, vedendo le stelle quando si perdeva l’effetto dell’epidurale.

Il battito cardiaco del bambino ogni tanto si perdeva durante il travaglio, questo faceva supporre che ci fossero dei giri di cordone ombelicale intorno al collo. Ho ancora nelle orecchie il suono della macchina che controllava i battiti, e la mia ansia quando durante alcune contrazioni cessava di suonare.

Nel tardo pomeriggio ero finalmente a dilatazione completa. Era arrivato il momento di spingere!

Ho iniziato a spingere ma con scarsi risultati. Ero arrivata alle spinte completamente scarica di energia. Erano 20 ore che non dormivo, non mangiavo, ero solo in balia delle contrazioni.

Le ostetriche dolcissime, mi spiegarono pazientemente cosa dovevo fare, ma io nonostante mi ci mettessi di impegno, riuscivo a spostare il bambino solo di pochissimo.

Dopo un paio di ore di tentativi si capì che ci doveva esser un problema. Bisognava prender una decisione, e questa decisione non spettava né a me né alle ostetriche.

La mia ginecologa e un collega di turno decisero quindi che le possibili evoluzioni erano due: o la manovra di Kristeller o la ventosa. Dal momento che il bambino si era già incanalato, non poteva esser più fatto il cesareo. Tra le due opzioni praticabili scelsero la prima.

Non sapevo in cosa consistesse questa manovra ma mi andava bene qualsiasi cosa portasse a nascere entro breve tempo il bimbo, ormai anche gli arresti del battito cardiaco iniziavano a diventare preoccupanti.

Ho scoperto poi, che sta benedetta manovra consisteva nell’esercitare una pressione con il braccio o la mano a livello del fondo dell utero da parte dei ginecologi. Il medico afferra il lettino ospedaliero e così può esercitare questa pressione in sincronia con la contrazione uterina della partoriente.

Durante la manovra penso di aver raggiunto il paradiso ed esser precipitata fino all’inferno, per ben due volte, quante le volte che mi è stata applicata, ma il bimbo è schizzato fuori come un proiettile.




Una volta fuori si è capito quale era il problema: il bimbo si era incanalato con un braccino davanti al viso e si era andato ad incastrare dentro..


Io sono stata ricucita e medicata in urgenza. Avevo perso molto sangue. Nicolò è stato controllato e messo per precauzione una notte in incubatrice.



Già dal giorno successivo iniziava ad ogni modo la nostra ripresa. Io avevo dei dolori a livello dei punti ma sentivo che andava giorno dopo giorno sempre meglio.

Nicolò veniva sottoposto a tutta una serie di accertamenti e controlli, uscendone sempre vincente, un bimbo sano e nella norma.


Con qualche giorno di ritardo per via dei controlli a cui lui è stato sottoposto, siamo usciti anche noi dall’ospedale. 

Ora pian piano iniziamo a conoscerci…Lui impara ad essere un cucciolo che vive nel mondo, e io mi arrabbatta nel mio ruolo di madre che si prende cura del suo cucciolo.  Ci mettiamo di impegno, a volte ci capiamo, a volte un pò meno. Nel frattempo sono passati undici giorni dal parto, e tutto il resto già appartiene al passato.

PS: Mi sono sconquassata per farlo nascere, ma Nicolò è un bimbo bellissimo, forse è un angioletto a cui mi sono aggrappata quando in preda ai dolori passavo da paradiso ad inferno, vorticando sulla terra.






35 commenti:

  1. misspandorabis1 ottobre 2013 01:54

    Bussola....è bellissimo, che musetto dolce che ha !!!
    Spero ti stia rimettendo presto. Io dopo il mio cesareo ci ho messo un po. Ognuna il parto lo vive e lo ricorda a modo suo. A me dicevano "quando la bimba sarà nata ti dimenticherai tutto!" .....Eh????? ma de che io non ho dimenticato proprio niente ehehehehe
    goditi questi momenti!!!!! sono stupendi

    RispondiElimina
  2. Ti ho pensata tanto in questi giorni. Auguri di cuore a voi tutti! E' davvero bellissimo!

    RispondiElimina
  3. Hip Hip Urrà! Hip Hip Urrà!
    Benvenuto su questa stramba terra, piccoletto!
    E mannaggia a te e a quel faccino...che mi fai venire voglia di appanzarmi di nuovo per avere una tale meraviglia tra le braccia, di nuovo, e ancora e ancora.
    Un abbraccio alla tua mamma, falle dei gradi e grossi complimenti da parte mia, è proprio una brava donna, diglielo, mi raccomando.
    E una pacca sulla spalla al tuo Papà!
    Buone cose, bacibaci, a presto!

    RispondiElimina
  4. che travaglio travagliato! è bellissimo il tuo bimbo: complimenti di cuore!
    Baci Baci

    RispondiElimina
  5. Mamma mia che patatoso!!
    Congratulazioni vivissime!! :-)))
    E stai tranquilla che si dimenticano i dolori e tra un pó ti verrà voglia di farne un altro.
    Ahahahahah...:-))))
    Un bacione grande!!

    RispondiElimina
  6. Ma complimenti!!!Finalmente si è deciso ad uscire il nanetto!
    Vedi , ha fatto come superman è uscito con un braccino in avanti e infatti è schizzato fuori !!!
    Goditi il tuo bimbo bellissimo !
    Un abbraccio cara, a tutti e tre!

    RispondiElimina
  7. ti giuro ho i brividi...e da quando sono su bloggher il tuo parto il tuo racconto mi ha messo un emozione dentro me fortissima...
    e' bellissimo e non te lo dico perché bisogna dirlo sai com e'..
    e' davvero belloo come il sole ha un visino fantastico...anche matti lo era aveva un visetto dolcissimo quanto nicolo'..

    goditi ogni istante..io ti leggero' ogni volta che aggiornerai che sia tra un giorno una settimana un mese..^_*

    un bacione a tutti e due

    RispondiElimina
  8. un travaglio travagliato ma con una bellissima soddisfazione...tantissimi auguri a tutte e due..
    e bellissimo...
    lia

    RispondiElimina
  9. pura meraviglia. Il risultato ovviamente. Il travaglio, beh, ho letto, non avrei dovuto, e adesso mi autoconvinco che sarò più fortunata. O muoro. :-)

    RispondiElimina
  10. Ma quanto è bellino!!??
    Benvenuto alienino :)

    RispondiElimina
  11. Si è fatto attendere come una star, ed è bello come un divo!
    Felicitazioni Bussola, adesso rimettiti in forze. Hai fatto il tuo miracolo :)

    RispondiElimina
  12. E' bellissimo. Un abbraccio grande a tutti e due, anzi, a tutti e tre... anche il papà ci ha messo del suo ;)

    RispondiElimina
  13. appena visto in incubatrice mi sono sciolta di emozioni...mi fa ancora un certo effetto...ma è bellissimissimo ...auguri mamma.

    RispondiElimina
  14. appena visto in incubatrice mi sono sciolta di emozioni...mi fa ancora un certo effetto...ma è bellissimissimo ...auguri mamma.

    RispondiElimina
  15. Mi hai commossa. Io non ti avevo detto nulla...ma anche a me ne han fatte di ogni...fino al cesareo...!!! Grande piccolo Nicolò benvenuto fra noi. Complimenti a te mamma!

    RispondiElimina
  16. Congratulazioni e brava! nicolò ê un bimbo bellissimo, Ed io- Che sono mamma di Mario da appena 6 mesi e tre settimana- mi sono emozionata e commossa, leggendoti!

    RispondiElimina
  17. Che bello, finalmente!
    Congratulazioni a te e a Fab e una carezza a Nicolò :)

    RispondiElimina
  18. è...be' penso sia indescrivibile! tanti auguri bussola...a te, a Fab e al vostro piccolo capolavoro! :)

    RispondiElimina
  19. meraviglia delle meraviglie!!!!! CONGRATULAZIONIIIII!!!! <3 <3
    Benvenuto cucciolino!!!

    RispondiElimina
  20. CONGRATULAZIONI PER L'ARRIVO DI QUESTO MERAVIGLIOSO BAMBINO!!

    P.s.: ASPETTAVO TREPIDANTE QUESTO POST!!! Quindi, nonostante gli avvertimenti, non ho potuto fare a meno di leggere TUTTO! Vedremo Tegolina che cosa combinerà!

    RispondiElimina
  21. Augurissimi!
    madò, è uguale a te!

    RispondiElimina
  22. AUGURISSIMISSIMISSIMISSIMIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII !!!!!!!
    Che bello, che bello, che bello!!!! Finalmente!!!

    Un grosso abbraccio
    ps: la voglia di farne un altro ti tornerà, nn preoccuparti....la natura è strana!!!!

    RispondiElimina
  23. ti pensavo in questi giorni e aspettavo tue news!!! evviva!!! benvenuto Nicolò!!!!

    RispondiElimina
  24. Lui è meraviglioso, tu anche, sei stata bravissima. E consapevole. Qui ossitocina, travaglio infinito e ventosa, tutto con meno consapevolezza. Mi ci sono voluti mesi per capire cosa non volevo che succedesse più (nel mio caso gli errori erano stati degli operatori che avevano voluto accelerare indebitamente i tempi con rottura delle acque e ossitocina sintetica causa loro mal di testa); al secondo parto, ho minacciato di dar calci nei denti al primo che mi avesse sfiorato, ho scelto la colonna sonora e partorito in poco più di due ore ;-). Buona luna di latte ♥, buona vita a Nicolò, mamma e papà!

    RispondiElimina
  25. Sei stata grande.. Anzi siete stati grandi! Tutti e due (tre col papà)

    RispondiElimina
  26. mamma mia....per fortuna è andato tutto bene. complimenti è bellissimo!!!!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Cara, Niccolò è bellissimo!
    Comunque se può consolarti io ho avuto un travaglio simile al tuo... un pò più lungo con appena 36 ore di sonno mancato... ma che dirti... ne è decisamente valsa la pena!
    Tanti auguri Mamma!

    RispondiElimina
  28. Manco dalla piattaforma blogger dall'ultima nevicata, eri all'inizio della tua nuova avventura, oggi decido di riprendermi a poco a poco questi spazi e ti ritrovo MAMMA di un adorabile frugoletto. TANTISSIMI AUGURI DI CUORE!!!

    RispondiElimina
  29. Oh dio quanto è bello!!! Torno a casa e non so per quale motivo mi ritrovo sul tuo blog (ti ho anche mandato la richiesta di amicizia su FB)...leggere del tuo parto non so se è stata una buona idea per una fifona come me...ma al di là di questo, tuo figlio è bellissimo e, sembrerà banale, ma le piccole cose, intrise d'amore come questa, sono allo stesso tempo, le grandi cose che rendono la vita stupenda!
    Un abbraccio a tutti e tre!

    RispondiElimina
  30. ma è bellissimo e credimi io ne vedo tanti, ma tanti :)

    RispondiElimina
  31. Ops... non mi ha pubblicato il resto...leggendo torno indietro di tre mesi..a me hanno fatto sia manovra che ventosa, se ci penso ho ancora i brividi ma NON PENSARCI PIU GODITI IL TUO CUCCIOLO!!!!

    RispondiElimina
  32. Ma quanto mi hai fatto piangere e quante emozioni.....grazie siete bellissimi

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...