martedì 7 settembre 2010

Noi popolo di pizzicati

Noi siamo il popolo proveniente dalla terra color del sangue,degli ulivi sfumati d’argento e dove le ragazze vengon punte dalle tarantole.

Cosa c’è di più caratteristico nel salento della pizzica? Forse nulla….

Il ballo della pizzica, è un ballo antico la cui origine si perde nella notte dei tempi. E’ un’antica tradizione ben radicata nella tradizione salentina.

La pizzica è un ballo di corteggiamento, i cui attori principali sono i tamburellisti, il ballerino, la ballerina, e un’immancabile foulard generalmente rosso.

I tamburellisti giocano un ruolo essenziale, in quanto il ritmo della danza è cadenzato dalla loro musica. La danza infatti alterna momenti frenetici a momenti più lenti che servono ai ballerini a riprender fiato.

Un bravo tamburellista deve capire quando far diventare la musica più incalzante e quando meno.

La pizzica generalmente inizia con i movimenti sinuosi della donna, che balla tenendo in vita il suo foulard. L’uomo accompagna il ballo.

Durante la danza poi la donna inizia a giocare in modo ammiccante con il proprio foulard ormai libero tra le mani….La ballerina mostra il foulard all’uomo ma quando lui tenta di prenderlo con movimento rapido lei lo allontana.

La danza è quindi tutto un giocare di foulard tra uomo e donna, una continua ricerca da parte dell’uomo della conquista dell’oggetto d’amore.

Il simbolismo è chiaro.

La danza finisce con la conquista da parte dell’uomo del foulard… e un ballare vorticoso dei due ballerini insieme uniti dal drappello di stoffa.

MORALE DELLA FAVOLA: Noi donne partiamo stronze, ma alla fine cediamo sempre ;-)

Si ringraziano i Calanti per le suggestive canzoni e volteggi dei ballerini. Purtroppo si possono fotografare solo i secondi






32 commenti:

  1. Quanto mi diverte la pizzica!!!!!!
    Che belle le immagini!
    Noi donne ci tiriamo troppo la calzetta...ops...il foulard ^_*
    Un bacione

    RispondiElimina
  2. Ciao, arrivo oggi da te. Il tuo blog è bellissimo e le foto a dir poco stupende!
    Pensa che anche il mio maritino è napoletano, ma per la reflex, purtroppo, a luglio gliela hanno rubata. Ne ha fatto una malattia. Ora stiamo valutando di comprarne un'altra. Abbiamo una piccola digitale, ma per lui è riduttiva.
    A presto

    RispondiElimina
  3. Ma che bellissime foto!!! Non ho mai visto questo ballo dal vivo, ma mi piacerebbe moltissimo!
    Ciao!

    RispondiElimina
  4. Anni fa a Torino, in un locale, c'era questa musica! una bellezza e un'allegria sentirla!
    belle le foto, a presto!

    RispondiElimina
  5. belle foto!!! ma proprio tanto, anch'io sono pugliese quindi questo post lo trovo davvero emozionante.

    RispondiElimina
  6. Gli spagnoli avranno il flamenco ma ditemi voi se non bisogna fare tanto di cappello ai volteggi della "pizzica". Una danza che racconta una storia

    RispondiElimina
  7. Bella descrizione, belle foto e bel post...cncordo con te nel dire che le donne delle grandi stronze...:)

    RispondiElimina
  8. Finalmente il mio pc è tornato a fare il suo dovere....
    La Pizzica...ho avuto il piacere di conoscerla, di capirla e di ballarla in uno spettacolo che è stato rappresentante dell'Italia nel 2006 a Patrasso-Città della Cultura 2006....ogni volta che sento quel ritmo non posso che mettermi a ballare, è fantastica e spero un giorno di poter approfondire ancora la sua conoscenza.

    RispondiElimina
  9. E' un ballo stupendo, ha dentro di se il lato primitivo dell'animo umano! Bella bella bella gnocca nelle foto ;)

    RispondiElimina
  10. Io la ballo a caso perchè non sono capace... ma quanto mi diverto mamma miaaaaaa!!!!

    RispondiElimina
  11. @tutte.... grazie mille

    @calzino: sicuramente la balli bene... perchè la pizzica è un ballo che non si insegna.... bisogna chiudere gli occhi, sentire la musica e lasciarsi trasportare......

    per questo i tamburellisti giocano un ruolo così importante

    RispondiElimina
  12. ke topa mozzafiato!!!!!!! ha dei piedi bellissimi e non solo!!!!!! ok a parte questo....foto bellissime!!!! ;) _maRy

    RispondiElimina
  13. Non ho mai visto dal vivo questo ballo ma ne ho sentito parlare!
    Quanto mi piacciono le tradizioni....

    RispondiElimina
  14. Ho visto ballare la pizzica già 2 volte e mi è piaciuta tantissimo!!
    Hai proprio ragione: il morale della favola che hai scritto è proprio veritiero!
    Baci Baci

    RispondiElimina
  15. Ed è proprio quello che fa impazzire gli uomini...
    sono cacciatori no?
    Adoro questi balli... ma perchè non hai postato anche un bel video? :-)

    RispondiElimina
  16. recupero alla lacuna nel prossimo post ;-)
    ....
    promesso

    RispondiElimina
  17. che foto stupende! :-)
    deve essere bellissimo da vedere..

    RispondiElimina
  18. Penso che dal vivo sia un'emozione diversa.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. io sono stata a Melpignano, alla Notte della Taranta, molti anni fa. Lo spettacolo era bellissimo, ma c'era troppa gente, una calca indescrivibile che mi ha impedito di godermi appieno la serata. Peccato. Comunque da allora la pizzica non l'ho più dimenticata. Magica, trascinante.
    Bellissime foto!

    RispondiElimina
  20. Che bella la pizzica!
    Canusciu na carusa tonda e bella, da vicino casa mia, da vicino casa mia...
    Ma non ci vogliono le scarpine adeguate, basse col cinturino?

    RispondiElimina
  21. siete davvero bellissimi e il vostro amore lo si vede tra le danze baci

    RispondiElimina
  22. ma che splendido complimento..... io e la mia gente diventiamo rossi

    RispondiElimina
  23. riflettondici mi sa che ti riferivi ai ballerini.... che conosci di persona e sai che sono una coppia....

    ora divento rossa perchè mi sono appropriata di un complimento che non mi spettava...che figurina

    RispondiElimina
  24. Mi unisco al coro"anvedi che bella fija" (mi sono mantenuto) ma sono sicuro che se al suo posto ci fosse stata una donna incrociata con un cinghiale,con gambe pelose e chiappe calanti,il fascino della pizzica l'avrebbe resa una gran TOPA!
    Ormai sono cinque anni che vado in Salento e la magia di quei posti e delle loro tradizioni non mi sorprendono più!
    A me mie me basta lu sule....

    RispondiElimina
  25. Una grande tradizione da coltivare anche per le generazioni future.Ti auguro una buona serata,saluti a presto

    RispondiElimina
  26. Mia zia impazzirebbe vedendo queste foto...lei dipinge dei quadri di pizzica

    RispondiElimina
  27. Salentinissimi!!!
    Io vivo a Roma da 22 anni ma i miei genitori e i miei parenti vivono tutti giu'. Io ci torno ogni estate per un lungo periodo. Una delle mie due sorelle vive anche lei a Roma.

    RispondiElimina
  28. Bellissime immagini... direi che è un po' una corrida.

    RispondiElimina
  29. Ottimo reportage.. complimenti

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...