sabato 18 settembre 2010

Io mi alimento

Ho deciso di scrivere un post a valore sociale e di coinvolgere i blogger sensibili all’argomento. Un post indipendente, un post solo di blogger.

Avevo avuto l’invito a scrivere qualcosa relativamente ai disturbi dell’alimentazione, e la cosa mi è così piaciuta che ho pensato di farlo in forma indipendente, senza secondi messaggi e solo attraverso il passaparola dei blogger.

La maggior parte dei blog è scritto da ragazze che hanno un età compresa tra i 20 e i 40 anni, età e sesso probabilmente maggiormente sensibile all’argomento.

Un post scritto da noi, non può che esser vero e dettato esclusivamente dall’esperienza o dalla conoscenza.

Se l’idea vi piace, e volete partecipare dovete

1) Scrivere un post dal titolo “Io mi alimento”

2) Inserire il gadget dal codice HTML <(img src="http://img401.imageshack.us/img401/6715/dicono.jpg" border="0" /)> (togliete le parentesi tonde)

3) Copiare il link al post che avete scritto come commento ai post di chiunque abbia fatto un post analogo

Il concetto è che quando andrete in un blog che ha esposto questo gadget, sicuramente ci sarà un post con il titolo “Io mi alimento” . Non vi resta che cercarlo e linkarvi.

L’idea è quella di dare maggior visibilità a tutti questi post e di creare un’ unica forza comune, indipendente.

Se non hai particolari esperienze sull’argomento puoi sempre raccontare quella di terze persone o semplicemente il tuo rapporto col cibo, giusto o sbagliato che sia.

E ora il mio personale contributo alla causa….

Sono cresciuta bambina, adolescente, ragazzetta senza aver mai avuto problemi di cibo. Non mi sono mai sottoposta a diete varie come le mie compagne, perché io con il mio corpo mi ci trovavo bene. Anche gli anni di università sono trascorsi in perfetta sintonia con il cibo.

Se non ingrassi e non dimagrisci velocemente, il tuo corpo è collaborativo e non ti procura strane sorprese.

Poco dopo l’università ho vinto un master pagato a Milano.

Sono andata in questa città con tanta voglia di riscatto verso la vita del mondo della ricerca da cui provenivo, che in Italia è solo sacrifici e poca soddisfazione, quanto meno da un punto di vista economico.

Avevo voglia di dare un cambio alla mia vita.

Milano è la città della moda, ed è palese come questa ne risenta. E’ una città che sull’estetica investe molto. Le ragazze sono tutte impeccabili, abbronzate con i capelli sempre in ordine.

Roma è diversa: Roma è calore, cibo, la porchetta, il vino dei castelli.

Arrivata nella città ho deciso di approfittarne e di mettermi un po’ a dieta visto che ero libera di cucinarmi da sola.

Ho deciso di frequentare inoltre un corso intensivo di inglese, oltre allo stretto programma di lezioni che già mi procurava il master.

Dopo un anno di questi ritmi serrati il mio corpo, la mia mente hanno alzato bandierina bianca. Ho iniziato a soffrire di attacchi di panico.

Mi accadeva senza un motivo, quando ero al bar a bere il caffè, al mercato a comprare la frutta, in farmacia.

Se ero in compagnia la persona che mi era accanto non ne aveva percezione, perché riuscivo a rimanere impassibile, come se nulla fosse. Eppure in una frazione di secondo io avevo percezione di freddo e di morte.

Avrò sofferto di questo fenomeno una decina di volte in un mese. Non ne feci parola a nessuno se non a mia madre. Temevo che più ne potessi parlare e più questo fenomeno potesse aumentare per un effetto di autosuggestione.

Nel frattempo il master era finito e potevo andare in vacanza e poi ricominciare il lavoro a Roma. Subito dopo è stato tutto un migliorare.

Ho ripreso peso, ho ritrovato un ambiente a me più familiare, e gli attacchi di panico non mi sono più venuti.

Sicuramente la forte perdita di peso è stata una concausa non l’unica. Ma ha giocato un ruolo importante.

Quando il corpo non si alimenta il cervello da di matto. Basta guardare l’Isola dei famosi, inizia sempre che sono tutti felici dell’avventura e si vogliono bene, dopo qualche settimana iniziano le crisi di pianto, le liti, l’irascibilità tra i singoli partecipanti. Il successo della trasmissione sta proprio in quello!

Ora ho un rapporto con il cibo più equilibrato. Vado in palestra e mangio tutto. Durante la settimana magari sto più attenta e nel finesettimana mi lascio più andare.

Sto attenta a mantenere il mio peso, non voglio andare né giù né su mi arrabatto cercando di mantenere l’equilibrio, come in tutte le piccole cose della vita.

Rileggendo sto post è un pò da ex-alcolisti anonimi.... ma vabbè è uscito così..... lo lascio pascolare :-)

Stretta la foglia lunga la via dite la vostra che ho detto la mai ;-)

(ricordate di segnalare come commento il vostro post sull’argomento, così lo stesso faccio io. Se non sapete come fare leggete qui.).


Se volete esporre la stessa foto il codice è <(img src="http://img689.imageshack.us/img689/6715/dicono.jpg" border="0" />) senza parentesi tonde


48 commenti:

  1. un commento di uno squilibrato non può non essere a tema

    RispondiElimina
  2. ciao ho letto il tuo post tutto d'un fiato !!Quello dell'alimentazione è un problema molto sentito e molti anzi moltissimi hanno un problema grande con il cibo, io che dopo la gravidanza ho preso qualche chilo, cerco di farci fronte con lo sport ,faccio nuoto abbastanza regolarmente approfittando delle lezioni di mio figlio ma non è sempre facile .Mi accetto per come sono ,non mi faccio influenzare dalle pubblicità dove tutti ti vogliono taglia 42 ma non per questo cerco di debordare insomma ho raggiunto un sereno equilibrio con me stessa ,dove mi piaccio come sono!!hai lanciato un bell'argomento ,complimenti!

    RispondiElimina
  3. Interessante!
    Dunque cara, l'immagine (banner) potrei rimpicciolirla ed inserirla nello spazio laterale del mio blog?
    C'è un termine di scadenza per "partecipare ?"

    Famme sapè! ^_*

    RispondiElimina
  4. assoluamente non c'è scadenza.....con il primo codice htlm (che trovi a inizio post) esce un banner piccolino come quello che vedi in basso a destra nel mio blog.....

    il secondo codice htlm è la foto a dimensioni grandi, che io ho aggiunto a fine post, ma si può anche non mettere o ridimensionare....
    fammi sapere se hai problemi....

    RispondiElimina
  5. Oks, pardon!...non avevo visto il bannerino qui accanto...
    Infatti volevo inquadreare le dimensioni...tutto ok!
    Baci ^_^

    RispondiElimina
  6. Complimenti per avere sollevato questo problema serio e di avere condiviso la tua storia. aderirò sicuramente.

    RispondiElimina
  7. credo che dovrebbero essere diminuite, se non proprio vietate, le immagini bombardate dai media di donne al limite dell'anoressia. è chiaro che se un'adolescente nutre la propria vista e la propria mente con corpi che pesano sì e no 45 chili e sono alti un metro e ottanta, prima o poi vorrà somigliar loro.
    questo problema è stato spesso sollevato, ma in sostanza non è cambiato niente.

    molta gente affetta da gravi disturbi alimentari (in molti casi le statistiche parlano di suicidio), si sono salvate grazie all'aiuto di incontri che sostanzialmente seguono i principi degli alcolisti anonimi.
    grazie per aver sollevato questo argomento.

    RispondiElimina
  8. aderisco sicuramente, ma con calma... intanto metto subito il gadget!

    RispondiElimina
  9. Fatto Cara anche se non proprio come hai scritto tu perchè è un casino, comunque oltre al post in fondo alla pagina trovi il logo bello chiaro.
    Baci e grazie.

    RispondiElimina
  10. Vi consiglio di vedere il post di Heidi perché troppo simpatico

    RispondiElimina
  11. Ci penso un attimo su. L'argomento mi è caro, anche se fortunatamente passato. Ma certe cose, non si dimenticano.

    RispondiElimina
  12. tranquilla........ lo so che non è un argomento facile.......

    RispondiElimina
  13. questo è il post di Lolita..... io vi consiglio darle un'occhiata

    come già detto è un argomento difficile e di cui è difficile parlare... quindi ogni vostro contributo è ben apprezzato

    RispondiElimina
  14. ok, ci ho pensato anche ed ecco anche il mio contributo

    RispondiElimina
  15. Tesoro, <a href="http://ilgaiomondodigaia.blogspot.com/2010/09/io-mi-alimento.html>ecco qui</a> il mio contributo
    Grazie!

    RispondiElimina
  16. Eccoooooo io lo sapevo! Il link non è apparso! :-(
    Vabè

    RispondiElimina
  17. Vale e pagnottella siete mitiche come al solito

    RispondiElimina
  18. Bella iniziativa. Non é facile scrivere qualcosa sull'argomento, ma ci proverò.

    RispondiElimina
  19. ogni contributo è ben accetto.... ognuna di voi ha usato uno stile diverso..... il che rende il contributo ancora più personale e importante

    RispondiElimina
  20. Bella iniziativa,è importante parlarne e diffondere un messaggio positivo sulla sana alimentazione.Grazie.

    RispondiElimina
  21. Ehi...ma come!Io non ne sapevo niente. Eppure ero lì, a Milano con te!E non mi sono accorta di niente, a parte del dimagrimento, ovvio...Forse ero troppo impegnata a fare male a me stessa,a mia volta. Vabbè, tutto passato. Ora sin guarda avanti, magari con una bella fetta di torta tra le mani:)

    RispondiElimina
  22. e già..... è stato un brutto periodo per entrambe....

    RispondiElimina
  23. no ai disturbi alimentari come se uno avesse una scelta. no al petrolio e tutti felici.

    io non ti conosco e a ma scoccia quando arrivano commenti stronzi sul mio blog, ma quello che hai scritto è un'accozzaglia di inutili sempliciotterie.
    Non vado avanti perché mi urta quello che hai scritto.

    RispondiElimina
  24. ognuno racconta la propria storia.... io ho semplicemente raccontato la mia.....

    non considero il tuo commento stronzo per questo non lo cancello.... ma suppongo scritto da una persona che ha avuta una storia diversa dalla mia....

    sarà un' accozzaglia di inutili sempliciotterie secondo te... ma giuro è quello che ho vissuto per un periodo breve della mia vita e l'ho voluto raccontare

    RispondiElimina
  25. ecco il mio contributo
    ho linkato il tuo sito... mi spiace non essere riuscita ad aprirmi di più però spero che la voce giri il più possibile

    RispondiElimina
  26. Sono totalmente d'accordo con te anche sull'effetto che Milano fa alla gente. Mi sono sempre sentita un pesce fuor d'acqua e a scuola le madri delle mie compagne discutevano di come far dimagrire le figlie gia' dai 14 o 15 anni (e le ragazzine non erano asslutamente in sovrappeso). Vorrei partecipare all'iniziativa ma ho postato ieri e non ho tempo in questo periodo di scivere ancora, si puo' fare anche a fine mese? E' una bellissima iniziativa.

    RispondiElimina
  27. certo che si.... non c'è scadenza... lo si può fare quando e come si vuole... pura libertà di espressione

    a Milano ho visto gente rinunciare alla pausa pranzo per andare in palestra....
    per carità l'attività fisica fa bene.... ma sempre entro certi limiti

    RispondiElimina
  28. Non ho un blog sul quale condividere questa iniziativa, ma straquoto.
    Ho sofferto di disturbi alimentari per tre anni e conosco benissimo tutta la sofferenza che questi comportano...è un inferno che inizia con l'esaltazione, arriva alla disperazione e finisce, si spera, con la risoluzione e la "normale" serenità.

    Un abbraccio,

    F.

    RispondiElimina
  29. non potevi usare parole migliori.... per descrivere l'argomento.....

    grazie mille

    RispondiElimina
  30. ciao!
    ho trovato il link al tuo post dal blog di gaia-pagnottella, mi è subito piaciuto l'argomento e ti ringrazio per aver dato voce ad un discorso che troppo spesso viene accantonato perchè anche un pò scomodo.

    nonostante io sia una foodblogger da anni anche io ho avuto dei trascorsi burrascosi con il cibo e sono felice di poter contribuire a questo passaparola.

    RispondiElimina
  31. bella iniziativa!!!
    ci provo pure io!
    dida

    RispondiElimina
  32. http://pannoliniavitabassa.blogspot.com/2010/09/io-mi-alimento.html

    RispondiElimina
  33. Ciao cara bussola, io ho fatto un ost cercando di parlare un pò di me ... vedo che il mio argomento è in controtendenza, il mjio problema non è l'eccessiva magrezza ma ... il contrario, spero ti sia gradito! ora vediamo se riesco ad inserirlo...
    ecco il mio contributo

    RispondiElimina
  34. e vai!!!
    scusate gli errori di ortografia!

    RispondiElimina
  35. qui
    il mio post sull'argomento. Grazie a te ed a tutte!

    RispondiElimina
  36. arrivo qui attraverso Gaia, ovvero, pagnottella...e trovo molto bella questa tua iniziativa, anche se parlare in prima persona dei propri rapporti con il cibo, non è facile. Ci proverò, niente di serio fortunatamente. Vorrei provare a inventarmi un logo mio....va bè tentar non nuoce. Ok un bacio.

    RispondiElimina
  37. tranquilla.... va bene qualsiasi cosa.... ognuno ha usato uno stile diverso.... chi ha fatto un discorso generale.....chi personale....
    eppure sono usciti tutti degli splendidi contributi...... qualsiasi cosa andrà bene

    RispondiElimina
  38. per chi passasse di qua e volesse leggere un pò tutte le nostre esperienze.... vi consiglio il post di Gaietta.....

    buona lettura e riflessione....

    occhio anche al suo blog ;-)

    RispondiElimina
  39. Questo rimane uno dei post più letti…. È passata diversa gente da qui che ha lasciato uno dei suoi contributi…. È passata diversa gente che invece ne ha letto i contributi…..
    Per questo mi piace continuare ad arricchire questa lista…. Vi segnalo il blog di
    Donatella …..un intero blog dedicato all’argomento….. un intero blog che scandisce i momenti di un percorso difficile….
    Buona lettura

    RispondiElimina
  40. quando si toccano certi argomenti è difficile rimanere insensibili. Non mi son dimenticata di creare un post da me, ho solo un blocco...ma questa cosa mi sta a cuore e quanto prima ne parlerò. Le vostre testimonianze sono una mano d'aiuto a chi, purtroppo, si trova a combattere lo stesso incubo. Sono delle piccole lucciole che brillano nel buio di chi vive nel tunnel. Molti non la pensano così, non è un problema, siamo liberi di condividere oppure no. Un bacione ragazze..

    RispondiElimina
  41. scusa se ti rispondo solo ora.... non ti forzare... quando ti verrà voglia di scriver qualcosa sull'argomento lasciati andare..... se questa voglia non ti vien mai.... forse è giusto così.... sei passata di quì hai comunque lasciato il tuo contributo.... e questo basta

    RispondiElimina
  42. Ciao Bussola, ciao a Tutte.
    Ho letto da tempo questo post, sono rimasta per un periodo in sordina volendo solo ascoltare le altrui esperienze, ma, visto l’importanza dell’argomento, non ce la faccio a non intervenire per chiarire alcune cose, quindi eccomi qui a scrive.
    Ho provato a copiare il mio post qui nei commenti, ma essendo troppo lungo mi è impossibile se non spezzettandolo continuamente.
    Quindi vi chiedo di linkare http://lascatoladeibottoni.blogspot.com/2010/06/anoressia-e-bulimia-parliamone.html
    e di leggere il post che ho scritto tempo addietro.

    Penso che un chiarimento su questo argomento sia necessario ed io tengo particolamente a farlo.

    un saluto a tutti.

    RispondiElimina
  43. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  44. 14 anni di lotte, tira e molla per fare i conti con "Cassandra" lei che dall'età di 13 anni ha posto la mia mente ed il mio corpo sotto il suo controllo.
    Oggi combatto ancora decisa a volermi liberare di quella carnefice che altro non vuole se non la mia morte. Complicato il rapporto con il cibo, da esso passano affetti, dolori, ricordi e sapori di una vita e di un'istante. Con l'aiuto che oggi ospedali, medici e cliniche posso offrire, con l'ingrediente magico che è l'amore delle persone che ci vogliono bene, anche se spesso non lo capiamo o non lo vogliamo per paura che quel prezioso sentimento possa interferire con il nostro progetto autodistruttivo, tutte noi possiamo fare un piccolo passo avanti per stare meglio e ricominciare a vivere una vita degna di quel nome. Un passo dietro l'altro, ci saranno momenti difficili ma sono sicura, come già ho potuto sperimentare in passato, che il rapporto corpo/psiche e cibo potrà ricostruirsi in modo naturale quando riusciremo a capire che noi possiamo essere ciò che vogliamo, essere persone meravigliose con valori, capacità e obiettivi da raggiungere.
    Spesso non basta la volontà e l'impegno, i disturbi alimentari possono cronicizzarsi e trascinarsi nel tempo e a quel punto anche se la voglia di guarire non manca, tutto diventa ancora più complicato. si in continua lotta con se stessi, in continuo conflitto e pur provando a sforzarsi di fare qualcosa il cerchio è chiuso e da quella maledetta spirale sembra non esserci via di uscita. Spesso il primo grande traguardo è prendere coscienza del problema, di avere qualcosa che non va. il secondo passo il più difficile è avere fiducia nelle persone, affidarsi e seguirle in un percorso spesso molto doloroso. A Bologna un grande aiuto dal punto di vista medico e psicologico viene offerta dall'equipe del Prof. Franzoni dell'Ospedale S. Orsola Malpighi anche per coloro che hanno più di 18 anni si possono intraprendere percorsi di day hospital terapeutici. Ci sono altre cliniche molto brave ma sono però a pagamento.
    a tutti coloro che non conoscono il problema e continuano a pensare che i DCA nascano per capriccio propongo questo link informativo: http://www.anoressia-bulimia.it/
    e http://www.fanep.org/unitaOperativa/introDCA.php
    Questo il mio augurio "Rompiamo le barriere che hanno scisso mente e corpo: proviamo a nutrire la nostra anima ... cuciniamo per lei invitanti prospettive per il futuro e piccoli obiettivi da raggiungere per il presente, usiamo solo gli ingredienti di cui siamo golose, facciamolo con passione seguendo la nostra personale ricetta e prendendo spunto da altre già collaudate e fidate così dal cibo per la mente potremo passare a quello per il corpo riprendendo possesso di ciò che siamo." Spero di poter un giorno camminare con la testa ed il cuore liberi dalle catene con cui "cassandra" mi ha imprigionato.

    RispondiElimina
  45. graze mille.... per ave partecipato all'iniziativa.... purtroppo sembra una malattia dei giorni d'oggi... ma una di quelle che si vede in tv... ma che capita agli altri ma mai a noi stessi.... eppure....la grande adesione di questa iniziativa... ci fa capire che è una malattia comune.... che a volte stentiamo a riconoscere.... e che si insinua nelle nostre vite in maniera silente.....
    il primo passo è, come hai detto tu, di saperla riconoscere..... quello è già un grosso passo avanti....

    ti ringrazio per aver arricchito il post di indirizzi e contatti utili.....

    RispondiElimina
  46. Non sono ancora riuscita a trovare il mio "modo"di partecipare a questa tua iniziativa. Forse, come dici tu, non è ancora il momento, o forse è un po difficile per me esprimervi e riuscire a trovare qualcosa che mi rappresenti e che si identifichi come spot. Tengo a precisare che non ho alcun problema di tipo alimentare, sono solo un tantino disordinata e il mio rapporto con il cibo è legato tantissimo a tensione e nervosismo. Sono un elastico che si allunga e si accorcia, vacillo sempre. Ed anche questo non fa bene, lo so, non è grave, ma nemmeno da sottovalutare. Un bacione e a presto. Buon fine settimana.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...