giovedì 11 luglio 2013

Io stimo le estetiste

Io stimo il lavoro dell’estetista. Sono persone che lavorano nel silenzio, combattono in maniera stoica e indefessa la lotta contro il pelo superfluo.

Se le parrucchiere della peluria sono amiche, dei capelli ne fanno opera d’arte, le estetiste al contrario rischiano uno shock anafilattico appena ne vedono anche solo l’ ombra. Hanno dei radar per scovarli.
Se un pelo c’è per quanto piccolo, per quanto insignificante loro lo scovano, e lo debellano. Ho visto estetiste cercarmi peli nelle parti più impensabili. Sorridono poi sornione quando finalmente  lo tengono stretto nella pinzetta, morto penzoloni come un pesce attaccato ad un amo, privato anche del minimo movimento di difesa. Ho temuto che alcune di esse mi infilassero un sondino per ispezionare  i miei orifizi più intimi. Non stento a credere che in qualche parte del mondo girovaghino estetiste in grado di penetrare le visceri del corpo umano e si aggirino in esso con cappuccio e lampadina da speleologo, alla ricerca del Grande Pelo.

Con la gravidanza stimo ancora di più queste professioniste dell’estetica. Mi chiedevo come potessero lavorare in maniera completa e totalizzante dal momento che a causa del mio pancione, anche  abbastanza dispotico in fatto di posizioni non gradite, i miei movimenti fossero limitati all’unica posizione a pancia in su. Come potevano queste spazzine del pelo raggiungere l’altra metà della mela?

Semplice attraverso un rapido excursus di tutte le posizioni del kamasutra! Ho scoperto che nonostante la pancia posso muovere braccia e gambe simultaneamente e alternativamente a 360 gradi nello spazio. Loro lo sapevano e me lo hanno spiegato.

Quando la ragazza mi ha detto “e ora togliamo i peli della pancia!”. Non ho avuto dubbi che questa categoria professionale fosse dotata di poteri speciali. Gente qui ve lo dico, le estetiste sono in grado di attraversare la materia con lo sguardo.

“Io non ho peli sulla pancia. Quelli sono i capelli di mio figlio!!!!” le ho risposto allarmata.


Dedico alla mia estetista e a tutte quelle che hanno avuto a che fare con i miei peli superflui questa canzone.


L’estetica fa
cambiare le mie fattezze
le modifica e poi le rimodella
non sono stata mai
 capace di decidere
 cosa meglio sia e cosa definire male.

Mi servirebbe sapere
se l’altro giorno estetista
quando hai detto che sei stata tanto bene
eri sincera
 oppure hai avuto una parentesi
di un’ora pure scarsa
e non mi va di privarmi della peluria superflua
senza un fine concettuale

E farmi male e farmi male e farmi male
tanto male
e farmi male e farmi male e farmi male
tanto male.

Poropopporopopporopoppoppo
Poropopporopopporopoppoppo

Mi servirebbe sapere
la strategia
per aggirare tutte quante le mie barriere
 e la strada giusta per giustificare
 il male e allievare il dispiacere
mi servirebbe saperlo quanto prima

E farmi male e farmi male e farmi male
(mi servirebbe sapere!)
tanto male
E farmi male e farmi male e farmi male
(mi servirebbe sapere!)
tanto male
E farmi male e farmi male e farmi male
 (mi servirebbe sapere!)
tanto male
E farmi male e farmi male e farmi male
(mi servirebbe sapere!)
tanto male

Poropopporopopporopoppoppo

E farmi male e continuare ad aspettare
 il tuo continuo andirivieni di ceretta
 forse alla fine mi piace un po' così
soffrire e farmi abbandonare qui su questo lettino...

 Deciditi!
Oh!
Ti piacerebbe sapere
le contromosse utilizzate per lenire le mie pene
e sopperire finalmente
alla tua luce a intermittenza
 per dotarmi di pazienza.
 in fondo mi è anche piaciuto a mena dito.
E allora fammi male, fammi male, fammi male
 (mi piacerebbe sapere!)
 tanto male
 e fammi male, fammi male, fammi male
 (mi piacerebbe sapere!)
 tanto male
E allora fammi male, fammi male, fammi male
 tanto male
 e fammi male, fammi male, fammi male tanto male

Poropopporopopporopoppoppo
Poropopporopopporopoppoppo

12 commenti:

  1. No, ti prego...la canzone è fantastica!!

    RispondiElimina
  2. ecco, mi hai ricordato che deve chiamare x fissare una ceretta. :-)

    RispondiElimina
  3. la SuperMamma fa l'estetista.
    io la stimo assai, perché per quanto mi riguarda non potrei mai farcela.
    sono psicanaliste mal considerate [al pari delle infermiere] dal luogo comune...

    RispondiElimina
  4. economista per caso18 luglio 2013 02:05

    sì, un plauso collettivo all'intera categoria!!! Prima volta sul tuo blog, lo trovo carino e intelligente!
    Besitos

    RispondiElimina
  5. Tanto di cappello alla categoria...Mia sorella fa parte della categoria e quindi ho un motivo in più per sapere che ciò che hai detto è vero: il loro fine è "far fuori tutti i peli"!

    RispondiElimina
  6. e quanto sono brave a distrarti parlando del più e del meno nel momento peggiore, cioè lo strappo?!così sembra meno doloroso..sembra..

    RispondiElimina
  7. E' un po' come quando dal parrucchiere chiedi una spuntatina e ti ritrovi con la cresta!!! Comunque io ammiro sia chi la fa la ceretta sia chi la subisce!!!

    RispondiElimina
  8. "Quelli sono i capelli di mio figlio!" :D

    RispondiElimina
  9. mi sono molto divertito a leggere il tuo post :-))

    RispondiElimina
  10. Mi hai messo ansia!!! Che guerra al pelo sia!

    Buon venerdì!

    RispondiElimina
  11. Che ridere!!ahahahah!!!
    Con la gravidanza non ti sono un pò spariti i peli?!! Io x fortuna li ho meno anche se mi fanno dannare sempre e crescono più lenti....
    Comunque mi hai fatto ricordare quando facevo la ballerina in nave e mi facevo fare la ceretta dappertutto visto che usavo abitini striminziti e trasparenti....si mettevano in due, con le lampade stile dottore con la lente di ingrandimento, una faceva da una parte e una un'altra armate tutte e due fino ai denti di pinzette varie!!!
    Si facevano giustamente paghicchiare ma il trattamento valeva la pena!!!!

    RispondiElimina
  12. I capelli di mio figlio! Uahahuahah!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...