giovedì 9 dicembre 2010

Con le sue scarpine Chicco Fab fotografa i grandi….Tra lui e lei

Sono le 12.30 del giorno dell’Immacolata quando Fab riceve una telefonata poco prima di metterci a pranzo. E’ Fabio il suo insegnante di fotografia che gli propone di andare a fotografare uno spettacolo al Teatro delle Muse. L’offerta lo manda in visibilio ma dice no, perché c’è il compleanno del suo amico, ha già un impegno per la sera.

Riattacca, ma si mangia le mani.

Mangiamo un po’ in silenzio, un po’ nervosi. Ci pensa, ci ripensa, e arso dai sensi di colpa mi dice

- Ma se ci andassimo? –

Sarebbe la seconda volta che ha la possibilità di fotografare in un teatro vero, uno spettacolo vero, con attori veri.

Non sa chi sia la compagnia, ma comunque il Teatro delle Muse, promette bene.

Alla fine decide di accettare. In fondo non può lasciare solo il suo insegnante, si giustifica con me e con se stesso.

Arriviamo alle 19.00 e davanti all’entrata del teatro scopriamo dalla locandina che stiamo per andare a fotografare “Tra lui e Lei”, una commedia scritta e diretta da Geppi di Stasio con Geppi di Stasio, Manila Nazzaro, Roberta Sanzò e Mario Zamma.

Gli attori ancora non ci sono, abbiamo il tempo di scappare un attimo a fare uno spuntino.

Quando rientriamo troviamo al cast al completo che sta facendo le prove per i saluti finali.

Chi lo avrebbe mai detto anche i saluti hanno bisogno di prove. In un momento di pausa il regista dice al tecnico delle luci che il prossimo spettacolo sarà portato in scena da quattro donne. Il ragazzo risponde un entusiasta – Uaaneeemaaaaa –e Fab mi guarda con la fierezza partenopea nello scoprire di giocare in casa.

Mentre Fab con il suo insegnante preparano gli obiettivi, io affondo nelle poltrone rosse e osservo la ex Miss Italia. E’ in jeans e scarpe da ginnastica, che prova i saluti con gli altri colleghi.

- Bellina….. – penso

Con un ghigno di perfidia femminile.

L’altra attrice è castana, ha gli occhi che ricordano Sofia Loren…. Si bellina anche lei…. Bellina….
Gli attori si ritirano per cambiarsi, nel giro di venti minuti sono pronti. Il sipario si chiude, si riapre e lo spettacolo inizia.

In quel teatro hanno tutti una funzione, un ruolo da svolgere tranne io. Me lo trovo da sola: faccio la porta obiettivi di Fab, nonché unica spettatrice. Due ruoli che richiedono grande impegno! :-)

Entrano prima gli attori in scena, poi le attrici e io strabuzzo gli occhi e mi rotola a terra la mascella…. Le attrici sono ora due pezze di fighe da paura!!! Due schianti de femmene, per dirla alla napoletana!

Rosico, ma in silenzio.

Mi do un contegno. Soffro ma non lo do a vedere.

Lo spettacolo è divertente, scorre e ne rimango subito catturata. Ogni tanto controllo i miei due fotografici e il loro gioco delle parti.

Noto che l’insegnante fotografa prevalentemente gli attori uomini e Fab le donne. In uno dei tanti moti tarantolati di Fab in cerca dello scatto, della posizione giusta lo afferro per l’angolo della maglietta e gli chiedo

- Ma perché tu, con sti obiettivi stai sempre a puntare le donne? –

Fab alza una spalla e dice noncurante

- Me lo ha detto Fabio –

Seeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Lo spettacolo scorre. I vestiti delle attrici diventano anche un po’ succinti in alcune scene, tanto succinti che alla ex miss Italia in una scena le fa capoccetta dalla sottanina un capezzolo.

Se ne accorge lei, che in un sorriso imbarazzato si nasconde e dice – Oddio –

Sia Fab che Fabio si guardano tra loro delusi. Entrambi si sono persi la scena, erano troppo impegnati a guardare altro.

E io godooooooooooooooooo.

Lo spettacolo continua e poi finisce. Riprovano i saluti e io unica spettatrice indiscussa batto le mani. Mi sono piaciuti davvero tutti…. Gli uomini perché già lo si sapeva e le donne perché hanno dimostrato che le donne belle possono essere anche brave, e molto brave.

Ci fermiami un attimo per gli ultimi accordi e ci chiedono

- Secondo voi come siamo andati? Vi è piaciuto?–

A dimostrazione che anche un professionista quando è il momento di salire in scena ha l’ansia e la modestia di un principiante.

Non posso allegare le foto, perché non abbiamo chiesto la liberatoria. Sorry.

22 commenti:

  1. Questa è pura invidia!! Sono con te, ti appoggio in tutto! eheh

    RispondiElimina
  2. Nuoooooooooooo volevo la fotina incriminata...ahahahah....divertente il tuo racconto...!!!!Ben gli stà!

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo: chi l'ha detto che le donne belle non possono essere anche brave?
    Spesso le belle donne sono quelle più dure con se stesse...

    RispondiElimina
  4. mi hai fatto venir vogliadi vedere lo spettacolo..... magari nel fine settimana

    RispondiElimina
  5. @Ellys: dillo a me :)

    @Laura: se fab avesse fato una foto del genere aveva i giorni contati

    @Nina: si è vero.... ci sono casi di attualitào storici che lo confermano

    @Michela: se ci vai fammi sapere

    RispondiElimina
  6. Per fortuna tua (e di Fab) tu nonhai bisogno dei 20 minuti di trucco per passare da "bellina" a "bella".
    Se però Fab passa qualche foto ....

    RispondiElimina
  7. si però io arrivo a bella.... non a figona da paura.... :)

    Fab le custodisce per se gelosamente

    RispondiElimina
  8. Bella esperienza,da provare
    un bacio

    RispondiElimina
  9. Manila a me piace da morire....vi ho invidiato durante la lettura

    RispondiElimina
  10. pentola a pressione10 dicembre 2010 04:57

    Vi invidiooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  11. Beh, che sono belline si vede anche dalla locandina!! Le foto di Fab avranno reso ancor meglio la loro bellezza!

    RispondiElimina
  12. Mi sarebbe piaciute vedere questo spettacolo! :) Anche io ogni tanto rosico in silenzio, cerco di darmi un contegno ma a volte faccio delle gaffes tremende! Non sono molto barava a darmi un contegno! ;)
    E' sembre bello leggere le tue avventure!

    RispondiElimina
  13. il mio commento? Si tratta di uno spettacolo assolutamente da vedere e non solo per estetica, ed è in scena fino al 4 gennaio........
    geppi di stasio

    RispondiElimina
  14. Bene! Grande ritorno al living theatre! A quando una bella replica?

    RispondiElimina
  15. io vorrei andare la prossima settimana.... i biglietti gli ha comprati mio marito... una delle sue rare sorprese :)

    RispondiElimina
  16. Che bello Bussy fortunata!!!! ;) _maRY

    RispondiElimina
  17. Ha tutta l' aria di essere uno spettacolo veramente carino,grazie per la dritta!

    RispondiElimina
  18. Eheheheheheh lo seguirai come un segugio ogni volta che poserà l'obbiettivo su un essere femminile? Posso suggerirti la risposta?
    SIIIIIIIIIIIIIII! :-D
    Baci baci

    RispondiElimina
  19. Salve! Sono una delle cosiddette "belline"...
    Beh...ammetto che il trucco ben fatto e le luci di scena aiutano molto a migliorare. Se mi si vedesse senza trucco e spettinata sono assolutamente irriconoscibile...senza falsa modestia! Ciò non vale per la bella collega e ormai cara amica Manila, che è bella anche senza un filo di trucco.. ma ciò che più conta a teatro è essere convincenti e emozionare il pubblico, e divertire in questo caso! Se volete passare 2 ore piacevoli e spensierate con una commedia divertente e mai banale che tratta anche un argomento attuale, vi aspettiamo al teatro Delle muse fino al 4 gennaio! Scusate l'intrusione ma... mi sono sentita coinvolta nel blog!!! Un abbraccio a tutti!-)

    RispondiElimina
  20. noi siamo ritornati a vedere lo spettacolo ieri sera.....eravamo loro ospiti....
    ci hanno emozionato e convinto sempre di più....ai nostri amici che non lo conoscevano come noi è veramente piaciuto molto....

    io ve lo consiglio vivamente.... non per le foto di fab, non per la bellezza delle donne, non per la simpatia degli uomini.... ma per lo spettacolo in se per se

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...