domenica 30 ottobre 2011

La chiamavamo libertà

Ho sempre amato gli animali…. A casa mia di Lecce ci sono sempre stati cani, gatti, pesci rossi e tartarughe d’acqua in vasche con ninfee …. Le campagne invece sempre popolate di altri animali come colombi, galline ed altro.

Il nostro viaggio di nozze in Africa lo abbiamo scelto proprio per conciliare la passione degli animali con quella della fotografia. Quale posto meglio di quella terra così selvaggia per ritrarre animali???

Tra le varie guide della lonely planet abbiamo scelto di comprare e studiare quella del Sud Africa….città del capo, cape point, parco di buona speranza, parco Kruger, Mpumalanga si sono avvicendate sotto i nostri occhi, prima su carta e poi dal vivo.

Quando dicono mal d’Africa… non lo dicono a caso…. L’Africa è un posto che rapisce, per i suoi animali nati liberi, per i suoi colori, per gli spazi sconfinati, per il sorriso della gente. L’Africa è un posto che ti rimane dentro.

In questo viaggio abbiamo collezionato una miriade di fotografie, che sembrano rubate alla rivista National Geographic. Pubblicheremo pian piano le foto nei prossimi post. Il bello dell’Africa è che la natura è così prorompente che ci vuol poco per far foto grandiose.

La seconda parte del viaggio l’abbiamo dedicata alle Mauritius, una bellissima isola appartenente allo stesso continente. Siamo andati via però con il rimpianto di non averla vissuta appieno. Il nostro pacchetto viaggio comprendeva l’all inclusive nel residence e questo volente o nolente ti impigrisce a rimanere nel tuo albergo e a spostarti poco, perché ogni cosa che è fuori costa. Abbiamo fatto comunque alcune gite nell’isola e visto alcuni angoli di paradiso.
Anche delle Mauritius seguiranno foto nei prossimi post.

Prima di salutarvi vi lascio alcune foto di babbuini e scimmie scattate le prime in Africa e le seconde alle Mauritius. Le scene sono molto simili ma c’è una grande differenza: nel primo caso gli animali sono liberi, nel secondo sono dietro le sbarre. Le espressioni degli animali sono notevolmente diverse. Giudicate voi...

Io penso che l’uomo a volte commetta delle grandi crudeltà per sollazzo personale o per meri fini economici. Questo non vuole esser un’accusa nei confronti delle Mauritius in quanto in Italia senza grossi problemi si trovano situazioni analoghe.
Voi che ne pensate?










18 commenti:

  1. Gli animali continuano ad essere migliori di noi.

    RispondiElimina
  2. La differena c'è e si vede...
    Le foto sono bellissime. Non conoscendoti come fotografa, qualcuno potrebbe credere si tratti di cartoline comprate al bazar.
    Il fatto che siano fatte da voi le rendono più reali e preziose.
    Ancora augurissimissimi!

    RispondiElimina
  3. conferma il fatto che gli uomini si comportino spesso come bestie :(

    RispondiElimina
  4. Io concordo con il fatto che gli animali dovrebbero essere liberi, andare in africa è anche un sogno mio e del mio compagno. Vedere tutti gli animali liberi è bellissimo...vederli chiusi in gabbia è davvero brutto... Cmq devo dire che hai fatto delle foto magnifiche, mi colpisce moltissimo l'ultima...da una sensazione di tristezza che stringe il cuore.

    RispondiElimina
  5. Gli animali hanno anime talvolta molto più delicate e suscettibili delle nostre, di questo sono sempre stata convinta. Ed è per questo che la differenza nelle due situazioni di scatti c'è, c'è eccome.

    Attendo davvero di vedere un pò di foto di questo meraviglioso viaggio.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  6. Hai mai visto un animale prenderne in giro un altro, uccidere un suo simile senza motivo, picchiare un uomo...? Gli animali se non migliori dell'uomo, sicuramente sono più puri della maggior parte degli uomini!
    Aspetto le foto del vostro viaggio!

    RispondiElimina
  7. Avete scelto l'Africa e non potevate fare di meglio... siete belli felici, così, nel vostro sogno esaudito. E le foto? Stupende, non c'è nulla di più bello di un animale nel suo habitat naturale.

    RispondiElimina
  8. Bentornati dal vostro viaggio di nozze.
    Io non so se riuscirei ad andare in Africa. Mi sembra troppo una terra di misteri. Sarà una suggestione campata in aria la mia.

    Noto la differenza degli animali in foto.
    Ecco perchè ho deciso di non andare mai più in luoghi tipo zoo o al circo.

    RispondiElimina
  9. Bentornati...
    Questo sì che è un viaggio di nozze "alternativo"...:-)

    RispondiElimina
  10. Ben tornati!! Un viaggio alternativo, ma davvero unico e meraviglioso.. Sì, il mal d'Africa esiste, dove ti giri e ti rigiri ci sono meraviglie a partita d'occhio.. Io l'ho visto nella mia brevissima sosta in Egitto, mio fratello l'ha vissuta a Capo Verde e in Senegal.. Gli animali delle vostre foto sono bellissimi, e l'ultima che hai postato nella sua dolorosa bellezza racchiude il sentimento di chi agogna alla libertà ma non puó toccarla, nemmeno con in dito sebbene sia a in passo da lì..

    RispondiElimina
  11. uau! aspettiamo anche qualche foto di spiaggia paradisiaca! BENTORNATI!!!

    RispondiElimina
  12. ciao Bussola e bentornati!!!
    hai ragione per quanto riguarda l'africa , i suoi colori, gli spazi e i tramonti. A noi è rimasta nel cuore. Per quanto riguarda li animali in gabbia ...io non condividio assolutamente e per principio non vado negli zoo. a questo punto credo sia meglio addirittura vedere cosa è una scimmia da un libro che vederla dietro le sbarre...

    RispondiElimina
  13. Gli animali in gabbia sono quello che c'è di più triste a parer mio... Che differenza passa tra l'uomo e l'animale è solo questa: la crudeltà...Baci e bentornata!!!

    RispondiElimina
  14. ma che bel viaggio e riguardo agli animali, quelli con tutto il rispetto per la razza umana, ma siamo noi.

    RispondiElimina
  15. Noi osserviamo gli animali e godiamo della loro libertà mentre li compatiamo quando ne vengono privati e vengono tenuti in fabbrica. Ma all'uomo non pensiamo? Le gabbie umane (fabbriche, uffici, scuole, ecc.) non sono certo meno peggio delle gabbie degli animali; con una differenza che gli animali soffrono in gabbia perchè privati della libertà ma almeno c'è chi pensa agarantire loro il cibo per la sopravvivenza, l'uomo vive lo stesso in gabbia ma al cipo per la sopravvivenza deve penserci da solo. Altro che mondo cane. Ci sarebbe da dire "mondo uomo"!
    Giancarlo Colella

    RispondiElimina
  16. confermo.... ci sono gabbie molto tristi anche per l'uomo.... e la cosa triste è che sembra questo più è evoluto e più si crea gabbie nuove

    RispondiElimina
  17. we really share your thoughts!!....it was amazing to see those beautiful animals in freedom.....i wish freedom will be possible for all animals of the earth!!....humans are the worst animals!! Congratulations for your blog!!!!

    RispondiElimina
  18. leggo sempre, ma non ho mai commentato..
    Sono vegetariana e animalista, e non posso che quotare oltremodo la triste realtà che evidenziano le vostre foto!
    Anche io e lui (quando ancora era Lui) avevamo buttato giù un fantomatico futuro viaggio di nozze in Africa, sempre per quel motivo lì: la natura selvaggia e gli animali liberi!
    Splendide foto..

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...